Aziende più ricche con l'economia a costo zero e la moneta complementare
4 dicembre, 2014 moneta complementare

Aziende più ricche con l’economia a costo zero!

Esiste una formula che permette alle aziende di diventare più ricche?

Se si pensa alla crisi economica in atto, la risposta è “no, non esiste” e il problema maggiore non sono tanto i guadagni in calo vertiginoso, ma i costi di produzione.

Se sei un imprenditore sai benissimo che per mantenere attiva la tua azienda devi sostenere dei costi improduttivi, cioè quelle spese che servono per mandare avanti la tua impresa ma che non ti fanno ottenere un ritorno economico.  Macchinari, arredi, computer, stampanti, software, mezzi di trasporto e di consegna, prodotti di cancelleria, assistenza fiscale, energia e tutte quelle voci che rientrano nella gestione quotidiana della tua attività.

Sono voci che ti servono per produrre le tue merci o i tuoi servizi, ma non ti danno profitti.

Questo è un problema che non riguarda solo te, ma tutte le aziende che operano nel mercato globale e a sentire chi oggi risente maggiormente della crisi quello dei costi rappresenta il problema più grande da risolvere.

banner-blog

 

La soluzione? Qualcuno decide di chiudere l’attività, molti altri trasferiscono l’azienda all’estero, dove i costi sono inferiori e più ammortizzabili.

Però le cose stanno cambiando ed è un economista di fama mondiale a dirlo. La ricetta di Jeremy Rifkin, questo è il nome dell’economista, prevede un’economia a costo zero e spiega in maniera molto semplice un modello di impresa alternativo che da qui a qualche anno diventerà un modello globale.

Tutto secondo lui si basa su internet e sulla digitalizzazione dell’economia, ma soprattutto su quello che lui chiama Commons collaborativo, cioè un sistema di collaborazione tra quelli che definisce Prosumers (chi produce un bene o un servizio è anche consumatore) e che eliminerà tutte le intermediazioni che fanno aumentare i costi aziendali.

Cosa vuol dire?

Vuol dire scambiarsi merci e servizi tra produttori che sono nello stesso tempo dei consumatori.

La tua azienda produce e nello stesso tempo consuma, l’azienda di un altro imprenditore consuma e produce: se queste due aziende collaborano tra di loro si “vendono” reciprocamente i prodotti e abbattono i costi.

Un esempio?

Tu hai un’azienda che produce arredamenti per ufficio, un altro imprenditore ha un’azienda che produce furgoni o li noleggia. Se hai bisogno di un furgone per le consegne e il montaggio dei tuoi arredi puoi chiederlo all’imprenditore che li produce, che in cambio avrà da te gli arredi per i suoi uffici. Ma il Commons collaborativo va oltre lo scambio tra due imprese, perché è un sistema più ampio, in cui collaborano aziende di tantissime specie.

Puoi farne parte tu che produci arredi, chi produce furgoni, chi produce computer, chi produce pannelli per energia solare o eolica, un commercialista, un avvocato, un pubblicitario e così via. In un sistema del genere chi produce “vende” la sua produzione a chi la consuma e chi la consuma “vende” a te i beni e i servizi che a sua volta produce.

Come vedi, ognuno è Prosumer, cioè produttore e consumatore nello stesso tempo.

Quali sono i vantaggi del sistema di Rifkin, che già in molti Paesi europei si sta diffondendo?

  • abbatti i costi perché elimini le intermediazioni tra produttore e consumatore;
  • aumenti il tuo fatturato perché vendi la tua merce al costo di produzione, quindi ne vendi di più;
  • non spendi soldi perché paghi quello che ti serve dando in cambio quello che produci;
  • aumenti la tua produzione perché fai parte di un sistema che ti chiede i tuoi prodotti;
  • incrementi i tuoi profitti perché i costi improduttivi di cui ti dicevo prima li abbatti scambiandoli con la tua merce.

Questo sistema è già presente in Italia e sta aiutando tantissime imprese ad uscire dalla crisi e ad aumentare le loro produzioni ed è il baratto aziendale che usa la moneta complementare.

Le aziende che ne fanno parte vendono e comprano merci e servizi tra di loro e per le transazioni non usano l’Euro, ma dei crediti che accumulano nel loro conto. Tutto avviene online, quindi usando internet e perciò in maniera rapida e comoda.

Per sapere come la tua azienda può

  • entrare in un sistema di collaborazione aziendale
  • vendere a chi ha bisogno dei tuoi prodotti
  • comprare beni e servizi che servono alla tua azienda senza spendere nemmeno 1 euro

scarica l’e-book che ti regaliamo!

banner-blog

 

 

Il futuro a costo zero è già una realtà per molti imprenditori. Entra anche tu nel tuo futuro e fai diventare più ricca la tua azienda!